Seconda categoria, Sanframondi-Riardo: Ecco le decisioni della Giustizia Sportiva

Di -

Fase di gioco - 8GARA DEL 7/ 5/2017 SANFRAMONDI CALCIO – H2O RIARDO SOCCER
Il GST, letto il referto ed il supplemento allo stesso, preso atto che al termine della gara il ddg veniva ripetutamente accerchiato, minacciato ed insultato da tesserati di entrambe le squadre, oltre che da tifosi presenti sugli spalti, facilitati all’accesso sul tdg da un cancello lasciato aperto, nonostante le ripetute richieste di chiuderlo del ddg; che nella mischia veniva riconosciuto il sig. Calierno Gabriele, capitano della squadra dell’H2O Riardo Soccer, il quale afferrava il braccio del ddg, tirandolo verso sè, minacciandolo ed insultandolo; che tale comportamento veniva spalleggiato da altro calciatore della medesima società, Canzano Antonio, che ugualmente minacciava ed insultava il ddg; che, inoltre, anche il dirigente della medesima società, Di Girolamo Ignazio, aggrediva e minacciava il ddg, pestandogli ripetutamente e volontariamente entrambi i piedi, procurandogli forte dolore; che i calciatori della società Sanframondi, Serapide Ivan e Pascale Paolo, si univano alla mischia, il primo spintonando il ddg, il secondo tirandogli acqua; a seguito di ciò si ingenerava una rissa alla quale prendevano parte anche i sostenitori delle due squadre; a questo punto, il ddg, approfittando della confusione, riusciva a raggiungere gli spogliatoi, dove tuttavia veniva raggiunto dal già citato Di Girolamo Ignazio, dirigente della società H2O Riardo Soccer, il quale gli impediva l’accesso agli spogliatoi; che in considerazione del clima di tensione creatosi, il ddg perdeva i sensi; che la società di casa provvedeva a chiedere l’intervento del servizio sanitario 118, nonché della forza pubblica; una volta ristabilita la calma, il ddg riusciva ad accedere agli spogliatoi, dove veniva raggiunto dal sig. Calierno Gabriele, capitano della squadra H2O Riardo Soccer, che unitamente al dirigente responsabile della squadra Sanframondi Calcio Garofano Nicola chiedeva al ddg di modificare il referto arbitrale e conseguentemente il risultato acquisito sul terreno di giuoco; che al rifiuto del ddg gli stessi lo minacciavano ulteriormente; che nell’allontanarli dallo spogliatoio, il ddg scorgeva il già citato calciatore Canzano Antonio, della squadra Sanframondi Calcio, che minacciava i tesserati della società avversaria; che il ddg riusciva ad abbandonare l’impianto sportivo solo alle ore 19.10;

DELIBERA

di infliggere per i fatti sopra narrati, le sanzioni a calciatori e dirigenti, come segue:
Calierno Gabriele, capitano della squadra H2O Riardo Soccer, squalifica per dieci (10) giornate; Canzano Antonio, vice capitano della squadra H2O Riardo Soccer, squalifica per quattro (4) giornate;
Di Girolamo Ignazio, dirigente responsabile della squadra H2O Riardo Soccer, l’inibizione fino al 30.04.2018 (la fattispecie rientra nella casistica di cui al C.U. 104/A FIGC in materia di prevenzione dei fatti violenti contro i ddg, pubblicato in data 17.12.2014);
Serapide Ivan, portiere della squadra Sanframondi Calcio, la squalifica per quattro (4) giornate; Pascale Paolo, secondo portiere della squadra Sanframondi Calcio, la squalifica per otto (8) giornate;
Garofano Nicola, dirigente responsabile della squadra Sanframondi Calcio, l’inibizione fino al 31.3.2018;
alla società Sanframondi Calcio l’ammenda di euro 75,00 con obbligo di disputa delle prossime due gare a porte chiuse (con effetto immediato) per la mancata vigilanza che ha permesso l’accesso dei tifosi presenti sugli spalti al tdg; alla società H2O Riardo Soccer l’ammenda di euro 100,00, per il comportamento violento ed antisportivo dei propri tesserati.
Questo GST dispone che gli atti di gara siano trasmessi alla Procura Federale per la parte relativa al tentativo di alterazione del risultato di gara.

Seconda C: Classifica e prossimo turno