Primavera, 7a giornata: Benevento-Juventus, le pagelle

Di -

Formazione Bn PrimaveraCi voleva un miracolo, una prestazione perfetta, fatta di grinta ed attenzione, di sacrificio ed intelligenza, di fame ed accortezza ed in sostanza il Benevento di Ignoffo ha fatto tutto ciò ed anche di più contro la corazzata e blasonata Juventus. All’Ocone di Ponte infatti la differenza di classifica non si è vista per niente ed il Benevento, con una prestazione maiuscola dal primo all’ultimo minuto, è riuscito a portare a casa la prima vittoria stagionale. Tra i pali Piscitelli (voto 7) non ha sbagliato nulla, anzi ha dato a più riprese sicurezza e serenità ai compagni grazie ad interventi sempre puliti e ad uscite dettate da scelta di tempo perfetta. In difesa il duo Rutjens Oliva – Fusco (voto 7 per entrambi) sin dai primi minuti ha mostrato di aver interpretato al meglio la gara. Sempre in anticipo su Mosti e Zequiri, puliti negli interventi ed al tempo stesso spigolosi nei duelli corpo a corpo che non sono mancati nell’arco dei novanta minuti.

Donnarumma, autore del raddoppio
Donnarumma, autore del raddoppio

Sulle fasce, a destra Cesarano (voto 6.5) ed a sinistra Iodice (voto 6.5) hanno svolto alla perfezione il compito assegnatoli. Hanno stretto i denti soprattutto in fase difensiva cercando di arginare le discese soprattutto di Oliveira da Silva, uno dei migliori bianconeri visti in campo. Sulla mediana, a nostro avviso, il Benevento ha vinto la gara. Volpicelli (voto 7.5), Donnarumma (voto 7.5) e Castaldo (voto 7) hanno dimostrato di avere ottime qualità in fase di interdizione ed al tempo stesso Volpicelli e Donnarumma, siglando i due gol storici, hanno mostrato a tutti la pregevolezza dei propri tiri dalla distanza. A fare da connettore tra il centrocampo e l’attacco Ignoffo ha posizionato Brignola (voto 7.5) a cui va certamente il titolo di “man of the match”. Micidiale nelle ripartenze, deciso nei contrasti, caparbio nel conquistare palla tutto ciò ha fatto oggi il giovane classe ’99. Avrebbe meritato ad occhi chiusi il gol, che per ben due volte nella ripresa Del Favero è stato abile a negargli. Infine gli attaccanti Filogamo e Pinto (voto 6.5 per entrambi) hanno svolto un match di grande sacrificio. Hanno corso tanto, tenendo la difesa juventina sempre bassa, e soprattutto hanno creato grandi spazi per le incursioni micidiali di Bignola. Infine il voto più alto va a mister Ignoffo (voto 8) per aver preparato alla perfezione la gara e soprattutto perché sta facendo crescer nel giusto modo un gruppo di ragazzi davvero interessante. Ora però, come lo stesso tecnico ha giustamente sottolineato in sala stampa, bisogna esser attenti nel gestire al meglio questa vittoria, evitando di montarsi la testa e continuando a lavorare sodo sulla strada intrapresa. A quel punto il miracolo odierno potrebbe diventar quotidianità.