Primavera, 5a giornata: Benevento-Chievo, le pagelle

Di -

Dopo le beffarde sconfitte con Bari e Sassuolo, stava per succedere di nuovo, ma questa volta la Dea Bendata (ed un miracolo di Piscitelli) ha sorriso alla Primavera di mister Ignoffo che a Ponte ha conquistato il primo meritato punto interno di questa stagione impattando per 1-1 contro il Chievo.
Alla rete di Brignola ha risposto Ngissah a pochi minuti dalla fine ed è stato lo stesso attaccante clivense poi a farsi parare da Piscitelli il rigore del possibile sorpasso dei gialloblù.

Il portiere Riccardo Piscitelli
Il portiere Riccardo Piscitelli

PISCITELLI 8: Chiamato dalla prima squadra a dare una mano vista la squalifica di Cioce, ruba decisamente la scena ed è lui l’hombre do partido. Para nel finale il rigore del possibile sorpasso dei clivensi e compie almeno tre interventi che salvano i giallorossini dalla capitolazione.
IODICE 6,5: Mister Ignoffo è più volte costretto a richiamarlo a mantenere le giuste distanze con i suoi compagni di reparto, ma il ragazzo nel complesso se la cava bene dando sempre la sensazione di essere un osso duro da superare.
SPARANDEO 6: Deve abbandonare la contesa ad un quarto d’ora dal termine per un problema alla caviglia e fino a quel punto la sua gara era stata discreta. Poco propositivo in fase di spinta.
DONNARUMMA 5,5: Con i mezzi tecnici a sua disposizione dovrebbe giganteggiare lì in mezzo, invece si concede un primo tempo di quasi assoluto relax venendo puntualmente superato dal palleggio del Chievo. Meglio nella ripresa pur senza fare sfraceli.
RUTJENS 5,5: Quando non ci arriva con le buone ricorre alle…cattive, risultato spesso fin troppo irruento. Ingenuo nell’occasione del rigore quando sbaglia il tempo e regala il penalty (poi fallito) ai clivensi.
FUSCO 6,5: Offre una sensazione di maggiore sicurezza rispetto al suo compagno di reparto risultando più incisivo nel limitare il quasi imprendibile Ngissah.
CASTALDO 6: Meglio dopo il cambio di modulo effettuato da mister Ignoffo quando si mette maggiormente al servizio della squadra. Ha ampi margini di miglioramento.
CRUDO 6,5: Non gli manca certo la personalità e non ha mai paura di giocare il pallone. Dai suoi piedi partono un buon numero di cross invitanti ed è sempre una spina nel fianco della difesa ospite (25’st QUATTROCCHI sv).
L'attaccante Biagio Filogamo
L’attaccante Biagio Filogamo

FILOGAMO 7: Sale al quarto piano in occasione del gol di Brignola quando si fa beffe del suo diretto controllore. Ha corsa, fisico e quel sano egoismo che non deve mai mancare ad un attaccante (37’st PINTO sv).
BRIGNOLA 7,5: Si danna l’anima fino al 93’ quando, per l’ennesima volta, mette alla prova le qualità dell’estremo difensore del Chievo che si salva a fatica in angolo. Con la palla al piede fa letteralmente quello che vuole e sembra già pronto per qualcosa in più di un torneo Primavera. Lesto ad anticipare tutti dopo il palo colpito da Filogamo.
VOLPICELLI 6,5: Il migliore dei suoi nella mediana sia per quantità che qualità. Va anche vicino al gol sul finire di primo tempo quando un suo tiro dalla distanza fa quasi la barba alla traversa.
NORBURN 6,5: Mister Ignoffo lo getta nella mischia dopo l’infortunio a Sparandeo passando alla difesa a tre. Il ragazzo non si scompone di una virgola offrendo il suo prezioso contributo alla causa.