Prima categoria, Riccardi: Puglianello maturo, per noi è quasi un match point

tonino riccardi“Siamo consapevoli che per noi potrebbe trattarsi di un vero e proprio match-point, ma siamo altrettanto consapevoli di affrontare una grande squadra, l’unica ad averci messo seriamente in difficoltà nella gara di andata. Una sfida che potrebbe, nel bene o nel male, essere anche decisiva per le sorti finali del campionato”. Tutto d’un fiato. Schietto e sincero Tonino Riccardi, il tecnico della sorprendente capolista Puglianello che sabato prossimo tra le mura amiche ospiterà la diretta antagonista per il salto di categoria, vale a dire il Paolisi 2000, squadra piazzata al secondo posto con sei punti di ritardo. “Stiamo preparando questo incontro come abbiamo sempre fatto – spiega Riccardi -, sapendo che si tratta di una gara importantissima, quindi con qualche accorgimento tattico in più da poter magari effettuare a partita in corso. Stiamo messi bene, il gruppo mi segue e, a parte l’assenza di Verdicchio, ci presenteremo a questo appuntamento con l’intero organico disponibile. Queste sono partite che si possono decidere anche con episodi, dunque, dovremo stare attenti ed essere perfetti per tutto l’arco dei novanta minuti. Conosco gli avversari, i quali, oltre ad essere lanciatissimi hanno giocatori di spessore che possono farti male da un momento all’altro. Sinceramente sapevamo di aver inserito in questo contesto giocatori di un certo livello ma francamente non ci aspettavamo questo risultati così gratificanti. Naturalmente siamo primo e vogliamo continuare ad esserlo fino alla fine del viaggio”. Probabilmente il Paolisi 2000 sarà l’ultimo vero ostacolo verso la Promozione per il Puglianello, tenendo anche conto che nelle restanti otto partite i telesini dovranno disputare cinque gare casalinghe e tre in trasferta. “Sono davvero soddisfatto sotto il profilo dell’andamento e del gioco che stiamo esprimendo – continua Riccardi -, ma quello che mi ispira maggiormente fiducia è lo spirito con il quale la squadra mi segue. Si è creato un ottimo feeling in tutto l’ambiente che rimane sereno e tranquillo malgrado questi ragazzi stanno marciando verso un traguardo mai raggiunto prima da parte di questa società. Tra l’altro Puglianello è un paesino di 1500 anime dove si può lavorare e progettare senza grossi patemi d’animo. Il merito di tutto è soprattutto di quei pochi dirigenti che mi supportano e sopportano, accompagnandomi in questa avventura con la massima competenza e serenità d’animo. Veniamo da nove vittorie consecutive dove abbiamo violato campi come quello di Cellole e S. Marco Evangelista dimostrando carattere e maturità. Non speculeremo contro il Paolisi 2000 anche perché non sappiamo farlo, non è nelle nostre corde controllare e gestire partite, ma sappiamo solamente imporre il nostro gioco. Ovviamente vincere questo incontro e volare a più otto sulla seconda poi la strada sarebbe in discesa, dopodiché con un margine di vantaggio così imponente sarebbe un delitto mandare tutto all’aria. Alleno un gruppo di uomini che sanno perfettamente come vanno le cose nel calcio, quindi, non penso che commetteremo errori di valutazione, ma affronteremo questo incontro come se fosse una vera e propria finale”.