Eccellenza, Vastogirardi – Cervinara: è questo il calcio che sogniamo!

Fonte foto: profilo Facebook Audax Cervinara 1935
Fonte foto: profilo Facebook Audax Cervinara 1935

Vastogirardi 1-2 Cervinara, tutti ne parlano, tutti ne hanno scritto, tutti hanno avuto modo di vedere la gara. Noi invece vogliamo soffermarci su un dettaglio, che poi tanto scontato non lo è per niente. Al seguito del Cervinara infatti sono giunti in Molise circa 300 tifosi tra i quali vi erano i fedelissimi ultras, ma anche tante famiglie, tante donne e tanti bambini. Uno spot per il calcio, soprattutto quello dilettantistico, quello forse più vero e perché no più pulito del tanto bistrattato ‘pallone’ calciato ormai ad ogni ora nelle ‘serie che contano’, non tanto dai calciatori ma quanto dalle tv, sempre più proprietarie di questo fantastico gioco.

La gara di ieri si è disputata ad Agnone in uno stadio, piccolino, ma ben fatto. Un’unica tribuna, non grandissima, a ridosso della linea di bordo campo ha tenuto insieme tifosi campani e molisani, separati solo da una striscia bianca di plastica, un po’ come accade sulle spiagge per delimitare le aree di gioco per i più piccoli. Tutti insieme appassionatamente, nei 90 minuti si è cantato, incitato, urlato, ma nessuno ha superato i limiti, e così a fine partita gli applausi fatti ai calciatori sono stati ricambiati per gli spettatori presenti ed artefici di un bel pomeriggio di sport. Una risposta indiretta a chi invece tre settimane or sono ne aveva vietato la trasferta in quel di Battipaglia, dove tra l’altro lo stadio è una vera e propria cattedrale. Una risposta indiretta a chi, spesso nella nostra regione, continua a promuovere gare a porte chiuse, dimenticando magari che senza spettatori una gara perde la sua essenza, nonché lo sport perde quel suo primo obiettivo quale modello e fonte di aggregazione sociale. Insomma ieri prim’ancora del Cervinara ha vinto lo sport: il calcio è questo, è emozioni, è condivisione, è allegria e come raccontava Caressa nella sublime notte di Berlino esso va condiviso con gli amici, con i parenti, con gli sconosciuti, che continuano a sentirsi bambini guardando quel pallone scorrer sul terreno verde ed ecco: “Guardate con chi siete, perché non ve lo dimenticherete mai! Abbracciatevi forte, e sarà l’abbraccio più lungo che una manifestazione sportiva vi abbia mai regalato. Forse uno dei più lunghi della vostra vita!” Per i Cervinaresi, sarà stato certamente così. Complimenti.