Calcio a 5, Benevento 5: Ascione impegnato in Puglia con la Rappresentativa Regionale, debutto contro il Lazio

Di -
Francesco Pio Ascione insieme a Gerardo Dello Iacovo, tecnico degli Allievi del Benevento 5
Francesco Pio Ascione insieme a Gerardo Dello Iacovo, tecnico degli Allievi del Benevento 5

Sta per iniziare l’avventura del giovane Francesco Pio Ascione, unico rappresentate del Sannio convocato nella Rappresentativa Regionale di calcio a 5, categoria Allievi, impegnata nelle finali nazionali in programma in questa settimana in Puglia con la prima gara fissata per domani contro il Lazio.
Il calcettista del Benevento 5, dopo una lunga serie di allenamenti e stage che si sono tenuti negli ultimi mesi sotto l’attenta guida di mister Loris Polidoro e del suo staff, giorno dopo giorno ha strappato sempre più consensi riuscendo ad ottenere questa prestigiosa convocazione.
Nell’evento pugliese, uno dei più attesi dell’anno, Ascione avrà quindi modo di confrontarsi con i nomi emergenti del calcio a 5 nazionale ed allo stesso tempo potrà acquisire esperienza preziosa per il proseguimento della sua carriera agonistica.
“Come società – ha affermato il dg Antonio Collarile – siamo felicissimi di questa convocazione che ripaga noi ed il ragazzo dei tanti sforzi fatti negli ultimi mesi. Il nostro calcettista, per entrare nella rosa della Rappresentativa Regionale, ha dovuto infatti sostenere un numero cospicuo di allenamenti con lo scopo di individuare i più meritevoli e non è stato semplice supportarlo in questa sua affascinante esperienza che lo ha obbligato a recarsi a Napoli anche più volte nel corso della stessa settimana. Però, come abbiamo detto fin dalla nascita del Benevento 5, il nostro obiettivo principale è quello di far crescere nel migliore dei modi i giovani e questa convocazione è il segno che la strada intrapresa è quella giusta. Il nostro plauso, oltre ovviamente ad Ascione, va anche a tutto lo staff della cantera giallorossa che ha lavorato con grande impegno e professionalità per consentire a tutti i calcettisti di migliorarsi e poter, un giorno, ambire ad indossare la maglia della prima squadra”.